Home / News / TORONO:L’AFTERFRINGE AL MUSEO EGIZIO

TORONO:L’AFTERFRINGE AL MUSEO EGIZIO

L’AFTERFRINGE AL MUSEO EGIZIO

Appuntamento venerdì 17 maggio con aperitivo e dj set

 

Venerdì 17 maggio alle 19,30 il Museo Egizio, in via Accademia delle Scienze 6, ospita una delle iniziative più curiose del ricco cartellone del Torino Fringe Festival, in programma a Torino fino al 19 maggio. Si tratta dell’Afterfringe all’Egizio, organizzato in collaborazione con il Museo torinese.  La serata è in programma nel cortile del Museo e darà la possibilità di visitare la Galleria dei Re dove si trovano le monumentali statue dei faraoni.

 

L’inizio è previsto alle 19,30 con aperitivo preparato da Vastè. La serata, la cui direzione artistica è affidata a Richard Rizzo, presenta una line-up di dj e artisti. Nel cortile interno del Museo: dalle 19,30 alle 21 Groove Sandwich – dj set; dalle 21 alle 23,30 Degio’s (Doctor Sax/We Play Wax) – dj set; dalle 23,30 all’una e trenta Gambo (Land of Dance-Tum) – dj set. Nella Galleria dei Re: dalle 21,30 alle 22,30 Reeilss – Live Modular e dalle 22,3o a mezzanotte Headkube Live Performance (Maze Festival).

 

 

La serata è in programma anche in caso di pioggia.

Ingresso a 20 euro (aperitivo con drink e serata) o 10 euro (ingresso post aperitivo con un drink offerto).

L’aperitivo strizza l’occhio al Piemonte con insalata russa, robiola con bagnetto verde, filetto di maiale cotto a bassa temperatura con salsa tonnata, insalata di penne con pesto di zucchine e pistacchio, focaccia di farina 1, torta soffice paradiso con salsa di fragole.

La collaborazione tra il Torino Fringe Festival e il Museo Egizio si concretizza anche con un’altra opportunità: fino al 19 maggio 2019, tutti gli spettatori del Fringe possono godere dell’ingresso ridotto al Museo presentando alle casse un biglietto degli spettacoli.

 

LE BIOGRAFIE DEGLI ARTISTI

 

>Groove Sandwich nasce come collettivo basato a Torino.

Mescola i linguaggi della musica e delle arti visive, collaborando con diverse realtà torinesi e non.

Da due anni porta dj sets, mostre ed eventi in giro per l’Italia.

Suona funk, cosmic ed house strizzando l’occhio al jazz ed alla psichedelia.

 

>Reeilss é un progetto di musica elettronica immersiva e d’ambiente creata esclusivamente con l’utilizzo di sintetizzatori modulari analogici dove la generazione dei suoni in tempo reale si fonde e si adatta allo spazio circostante.

 

>Il progetto Headkube di Gabriele comincia nell’estate del 2014 con l’apertura di un canale YouTube chiamato “LevelUp”, dove periodicamente carica video di Live Performance utilizzando diversi modelli di Launchpad. Ben presto i video cominciano a interessare sempre più persone, superando le 450.000 visualizzazioni, ed a richiamare l’attenzione delle aziende del settore. Dopo tre mesi dall’apertura del canale, comincia a collaborare con MidiWare, prima società dedicata in Italia ad importare e distribuire software e hardware per la produzione musicale. Nel 2015 continua a pubblicare video concentrandosi maggiormente sulla tecnicità d’esecuzione e partecipa a fiere e workshop in tutta Italia insieme a MidiWare per presentare il suo progetto in ambito tecnico. In Ottobre partecipa all’ADE Music Festival. Nel 2016 entra nel team Novation come Italian Product Specialist e continua il suo percorso tecnico con MidiWare in Italia. Dopo aver sviluppato un suo proprio Live Set si avvicina al mondo della produzione musicale da autodidatta per completare il progetto con la sua musica e comincia quindi a presentarla in alcuni Festival Italiani. Nel 2017 decide di cambiare immagine e carattere al progetto adottando il nome Headkube, concentrandosi maggiormente nella produzione musicale e in un nuovo modo di esibirsi Live che presenta durante un tour italiano insieme a Novation. Durante il periodo estivo partecipa a diversi Festival Internazionali tra cui il Music Inside Festival di Rimini dove collabora inoltre con Molpass e Ayrton Digital Lighting. In questi ultimi Live Set utilizza diversi Sintetizzatori, Modulari e Controller Midi per controllare e creare in tempo reale i suoi suoni e comandare i suoi visual per uno show unico nel suo genere.

 

> Degio’s.  Dj resident dello staff di Movement Torino e del Doctor Sax, storico afterparty torinese. Diplomato come Tecnico del suono alla scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo (IT). Le sue radici musicali prendono origine dal più profondo soul, dal garage, dalla disco music degli anni 70/80 e tutto ciò che contribuì allo sviluppo dell’House Music e Techno. Durante questi anni ha condiviso la consolle con i maggiori esponenti della scena elettronica mondiale quali Trentemøller, Lil Louis, Dj QU, Tony Humphries, Virgo Four, Todd Terry, Omar S, Soul Clap, Bushwacka, Francois Kevorkian, Surgeon, Peter Dundov, Vakula e altri sugli stages del Kappa FuturFestival, Movement Torino Music Festival e Apolide Festival. I suoi lavori sono stati rilasciati su We Play Wax (RO), Fresh Yo! (IT), Waldliebe Familien (GE) e LoupBlanc Rec (FR). Su auest’ultima ha realizzato un remix per il padre dell’Italo-Disco Alexander Robotnick.

 

>Alessandro Gambo. Feticista, amante del vinile, nero, graffiato e che scricchiola. Li colleziona e non ne ha mai abbastanza, dal jazz alla techno passando per la disco, i mantra e il noise. La sua passione per il djing nasce durante i rave degli anni 90, a colpirlo è il suono e il suo potere di coinvolgimento delle masse. Ha fatto parte della crew di The Plug ed è stato resident e direttore artistico del Doctor Sax dal 2005 al 2013. E’ stato uno dei fondatori della Old And Young Records insieme ai Boston 168.

Dal 2010 al 2018 ha curato la direzione artistica del Magazzino sul Po e dal 2014 cura la direzione artistica di Varvara Festival e della relativa label “Il Silenzio Del Rumore”. E’ label manager dell’acida “Land Of Dance Records” e di “Musica Altra”, etichetta dedicata alla ricerca della parte più strumentale ed etnica della musica. Dal 2017 è direttore artistico del festival sperimentale “Jazz is Dead”.

E’ dj resident e fondatore dei progetti Magazzino Paradiso e TUM.

Chiara Priante

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

paola olivieri

rfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-slide