Home / Film in uscita / L’uomo sul treno regia di Jaume Collet-Serra

L’uomo sul treno regia di Jaume Collet-Serra

Uomo sul treno regia di Jaume Collet-Serra.

Regia di Jaume Collet-Serra

Cast:Liam Neeson,Vera Farminga ,Dean-Charles Chapman,Patrick Wilson,Jonathan Banks,Sam Neill,Elisabeth McGovern,Florence Pugh,Damson Idris,Clara Lago,Roland Moller. Genere Thriller Anno 2018

 

14/04/2018 “Qualcuno non dovrebbe essere in questo treno, lei non sa che aspetto abbia, deve solo trovarlo” dice un’ammaliante Joanna (Vera Farmiga) che, dettando criptiche quanto spietate regole di una cospirazione criminosa, intrappola in un temibile gioco l’ex poliziotto ed ex assicuratore Micael.

“Perchè dovrei farlo?” risponde l’uomo confuso.

“Avrebbe una ricompensa”, incalza la donna ammiccando. “Non scenda dal treno per nessun motivo e non dica a nessuno di questa offerta”, aggiunge fuggendo via da quella bolgia di pendolari rumorosi.

Perché viene scelto Michael su quel treno? Ha un passato da ex poliziotto e nonostante sia un buon lavoratore, vive un licenziamento improvviso. La middle class messa in scacco dalla recessione diventa corruttibile?

Prendendo in mano il denaro legato a quella proposta, capisce subito di essere caduto   nella morsa di un nemico senza volto che minaccerà di tenere in ostaggio la sua famiglia se non obbedisce. E’ già tardi per il protagonista, così come per il pubblico smettere di vedere “L’uomo sul treno”, firmato da Jaume Collet-Serra.

Con abilità senza pari, il regista trasforma il viaggio in un vortice adrenalinico fatto di dialoghi interrotti e rocamboleschi agguati in un ambiente chiuso, mentre una voce sconosciuta chiama il “nostro” al cellulare minacciando. Tra pendolari ignari in quella folle corsa verso l’inferno, c’è il terrore di chi non trova la via d’uscita, in un crescendo filmico che racchiude tutte le nostre claustrofobiche paure, espresse dal grande Liam Neeson.

L’attore è capace di far vivere superbamente le emozioni di un personaggio costretto ad un duplice ruolo: da un lato subisce quel dedalo di inganni e ingiustizie, dall’altro corre alla forzata ricerca dell’identità misteriosa del viaggiatore da uccidere. Mentre la lotta contro il tempo si fa feroce, il desiderio di Michael di riannodare i fili della verità farà deragliare non solo il treno ma anche il complotto che lo crede corruttibile.

Ed è qui che il film guarda ad un passato cinematografico glorioso, nel quale la coesione di un gruppo di sopravvissuti disperati ed esausti sarà il giusto salvagente per la vittima.

 

“L’uomo sul treno” è registicamente ambizioso ma non disattende, l’action trova il suo mordente nell’attesa di smascherare i criminali, pulsando di una supence senza pari, sorretto da un Liam Neeson grandioso che ancora una volta veste i panni dell’eroe umanissimo. purtroppo intrappolato.

E’ in questa grande partita che il pubblico, salendo in quel treno, vive ancora una volta le emozioni di Cassandra Crossing in “Assassinio sull’Orient Express”.

Paola Olivieri

modifica in data 19/04/2018

Print Friendly, PDF & Email

paola olivieri

rfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-slide