Warning: Use of undefined constant ‘FORCE_SSL_ADMIN’ - assumed '‘FORCE_SSL_ADMIN’' (this will throw an Error in a future version of PHP) in D:\inetpub\webs\cinemaemusicait\cinemaemusica\wp-config.php on line 106
L’sola più cinematografica?Quella di Raffaella Pavoni Lanzetti e Gennarino Carunchio ” Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto” | Cinema & Musica
Home / News / L’sola più cinematografica?Quella di Raffaella Pavoni Lanzetti e Gennarino Carunchio ” Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto”

L’sola più cinematografica?Quella di Raffaella Pavoni Lanzetti e Gennarino Carunchio ” Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto”

“L’ispirazione per scrivere la storia di “ Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” mi venne in vacanza ,quando Enrico e io, insieme a gruppi di amici ,andavamo in barca lungo le coste della Sardegna ” dice Lina Werttmüller “Fu proprio in barca che pensai alla storia del marinaio Gennarino Carunchio ,proletario siciliano ,comunista incazzato nero, e della ricca a Raffaella Pavoni Lanzetti ,industriale milanese ,terribilmente snob, rappresentante della società capitalista”…..( Lina Wertmüller Tutto a posto e niente in ordine” Mondadori) .

Il destino cambia il presente di Gennarino Giancarlo Giannini  e Raffaella ( Mariangela Melato) quando escono alle sette di sera in gommone. Un improvviso guasto al motore, li costringe ad una notte in mare ,e perdendosi nell’azzurro mare d’agosto e naufragano in una isola deserta. Tra i due scoppiano liti furibonde, fatte di offensive e logorroiche risposte di Raffaella, capaci di ferire il represso Gennarino che reagisce con tutta la sua violenza: ma quelle rabbiose schermaglie, sono il prologo di una travolgente passione d’amore. “Eravamo in un luogo straordinario, dove per due mesi Lina ci obbligava, me e Giancarlo, a pestarci a sangue, come ricorderà chi ha visto il film. E non erano botte tanto finte, da cinema, ma erano sberle, calci, spintoni, slogature vere, si era in pieno realismo e ci sono rimaste le ammaccature e i lividi anche tornati a Roma.” dichiarò Mariangela Melato .(Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto : “Gli schiaffi sul set erano tutti veri”di Luca Scarselli Movieplayer .it 14 08 2020).Gennarino innamorato pazzo schiavizza la donna e poi la seduce, ma l’incanto amoroso si spezza quando compare all’orizzonte il veliero del marito di Raffaella. Gennarino fa un falò sulla spiaggia per segnalare la loro presenza , vuole da Raffaella una prova del loro amore.

“ Voglio sapere se donna Raffaella Pavoni  Lanzetti la pensa come te” dice Gennarino alla donna impaurita

“ Quello che è successo a noi due è un miracolo amore, irripetibile dice Raffaella  “ Ma perché devi entrare in quegli schemi così..è un ingranaggio mostruoso così deformante . Amore ti prego rimaniamo qui…

L’uomo coglie le paure di Raffaella, schiava delle chimere dell’alta società : il salvataggio e l’approdo dei due in terraferma, farà ridisegnare gli antichi equilibri sociali che spazzeranno via il loro legame. Non c’è posto per Gennarino nel mondo di Raffaella. Struggente è il loro ultimo e languido dialogo al telefono del bar del porto di Arbatax, l’uomo si dichiara pronto a naufragare con lei in quella magica isola ma la loro favola è finita. Un elicottero condurrà la donna forse a Milano, lasciando l’uomo in preda ad una rabbiosa disperazione caduto nella rete di amore impossibile. Quanto alle riprese ricorda la regista che quei luoghi non erano facili da raggiungere  “ sveglia alle quattro , ci si imbarcava con tutta l’attrezzatura per girare. Sbarco sulle rocce circostanti con un’attenzione maniacale a non lasciare tracce su quella stupenda e intonsa sabbia candida ,pettinata solo dal vento della natura….Perciò costruimmo una specie di piccolo sentiero fatto di cespuglietti .Bisognava saltare da un cespuglio all’altro ,così da non toccare mai quella meravigliosa spiaggia.( ”( Lina Wertmüller Tutto a posto e niente in ordine” Mondadori) .

In questo film, la  bellezza della  paradisiaca natura della Sardegna è cooprotagonista, in quanto sono quei luoghi così selvaggi ad essere  testimoni di sovvertimenti  sociali tra Raffaella e Gennarino  ;entrambi rapiti da un amore impossibile ma autentico, vivranno solo per poco attimi di vera vita.

 

Paola Olivieri

Voglio sapere se donna Raffaella Pavoni  Lanzetti la pensa come te” dice Gennarino alla donna.

“ Quello che è successo a noi due è un miracolo amore, irripetibile dice Raffaella  “ Ma perché devi entrare in quegli schemi così..è un ingranaggio mostruoso così deformante . Amore ti prego rimaniamo qui…

QUESTI DIALOGHI SONO DEL FILM.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

paola olivieri

rfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-slide